• Italiano
  • English

L’eredità digitale con Alessandro d’Arminio Monforte su Donna Moderna

di Giulia Balbo

Di eredità digitale si parla anche su Donna Moderna, settimanale italiano interamente dedicato alle donne. Questo, grazie al socio Sloweb Alessandro d’Arminio Monforte, avvocato dello studio legale Networklex.

Nell’articolo si sottolinea come ogni individuo, durante gli anni, si iscriva a decine, se non centinaia, di servizi, creando profili che rimarranno aperti anche dopo la sua morte.

La gestione dei dati in questo caso è una questione complessa e controversa. Alessandro d’Arminio Monforte ci parla della situazione legislativa italiana, che per una volta non è indietro rispetto agli altri Paesi. Siamo stati infatti tra i primi a recepire il nuovo regolamento europeo sulla privacy, all’interno del quale si sancisce il diritto dei parenti di un defunto di accedere ai suoi dati, o chiedere la cancellazione dell’account. Attenzione però a non travisare le cose, questo non ci garantisce di fare quello che vogliamo. Ogni volta che apriamo un profilo accettiamo delle condizioni contrattuali, ed è bene ricordare che il servizio non è di nostra proprietà, lo stiamo solo utilizzando.

Per evitare di mettere in difficoltà i propri eredi, è fondamentale pianificare per tempo la propria eredità digitale. Ad oggi, servizi come Google e Facebook mettono a disposizione funzioni base molto facili da impostare per gestire i propri account in caso di morte, e servizi come eLegacy permettono di organizzare comodamente e legalmente il proprio patrimonio di dati. Dobbiamo essere noi stessi i primi a tutelare la nostra privacy

  • Associazione Sloweb
  • Sede legale:
  • Piazza C.L.N., 254 – 10121 Torino
  • Sede operativa c/o Escamotages
  • via Sacchi 28 bis – 10128 Torino
  • Tel. 011-19916610
  • info@sloweb.org
  • C.F. 97823610015

Scrivici


Ho letto l'informativa privacy

Vuoi unirti a noi?

Iban presso banca di Cherasco

IT38N0848701000 000260 101691