• Italiano
  • English

Le relazioni umane nell’era delle comunicazioni digitali.

Il bello e il brutto. Come vivere nel web senza farsi male.

A partire da oggi, 28 gennaio e fino al 29 aprile, Sloweb contribuisce al corso di aggiornamento per docenti “Le relazioni umane nell’era delle comunicazioni digitali: il bello e il brutto. Come vivere nel web senza farsi male”.

Organizzato da PRO.DO.C.S. insieme al Centro di Formazione Pedagogica
“Pedro Poveda”, all’istituto IPSSEOA Pietro Piazza e Sloweb, il corso si tiene a Palermo per un totale di otto incontri.

A condurre le lezioni sarà Pietro Jarre, con la collaborazione di molti fondatori e soci Sloweb, tra cui Franco Marra, Bruno Boni Castagnetti, Giovanna Giordano e Francesco Bellarosa.


Nel mondo di oggi la relazione umana si sviluppa soprattutto nel web, divenendo di fondamentale importanza per tutti gli esseri umani. Se non si può fare a meno del web, è tuttavia necessario saperne fare buon uso.
Se da un lato, infatti, il web ci aiuta nella socializzazione con il resto del mondo, annullando distanze infinite, dall’altro lato può distruggere l’intimità, il privato che ognuno dovrebbe custodire gelosamente o liberamente condividere solo dove, come, e soprattutto con chi si vuole. Questo è ancor più essenziale nel periodo adolescenziale, nel quale il progressivo distacco dai genitori e l’avvicinamento al gruppo di coetanei avviene anche tramite i media. Gli adolescenti si servono dei media digitali per instaurare e curare le relazioni sociali. In quell’ambiente virtuale si presentano e si raccontano, ricevendo in cambio il feedback dei loro amici virtuali, che a volte, ma non sempre, sono anche amici reali.
I ragazzi di oggi vivono, inoltre, in un mondo in cui le cose che contano veramente per loro non sempre corrispondono a quello che contano per gli adulti, come per esempio: la scelta dei valori, dei principi fondamentali (famiglia, amicizia, amore).
Nella dinamica costituzione dello sviluppo dell’identità giovanile si è consapevoli che oltre alla famiglia, alla scuola e al gruppo di coetanei, anche i media sono considerati un «fattore di socializzazione».
È necessario, quindi, creare le condizioni che consentano di acquisire la consapevolezza del web come strumento a servizio della persona e dei suoi relativi pericoli, condividendo insieme, adolescenti e adulti, studenti e docenti, i molteplici aspetti del dualismo tra identità personale ed espressione digitale. E ancora, individuare e disinnescare ogni forma di rifiuto della persona e della sua dignità, ogni intolleranza verso le diversità, smascherando falsità e luoghi comuni favorendo invece una buona socializzazione e inclusione di tutti gli appartenenti alla società civile.
Valorizzare nuove e vere relazioni umane nell’era delle comunicazioni digitali, educarsi e educare per saper vivere nel web senza farsi male è lo scopo di questo progetto pedagogico.


OBIETTIVI:

  • Comprendere e valutare le relazioni umane nell’era delle comunicazioni digitali;
  • Fornire utili indicazioni di “media education” delle “buone pratiche” di relazione;
  • Diffondere una cultura legata alla “media education” (sul web e sui social) per un uso consapevole e responsabile del Web;
  • Comprendere i diversi media e le varie tipologie di messaggi, usandoli correttamente e sapendo interpretare in maniera critica il loro senso, per generare messaggi coerenti con una visione antropologica inclusiva e coerente alla dignità della persona.
  • Contribuire alla creazione di relazioni umane all’insegna della tolleranza, della condivisione, nel rispetto della persona e delle diversità.
  • Associazione Sloweb
  • Sede legale:
  • Piazza C.L.N., 254 – 10121 Torino
  • Sede operativa c/o Escamotages
  • via Gioberti 26bis – 10128 Torino
  • Tel. 011-19916610
  • info@sloweb.org
  • C.F. 97823610015

Scrivici


    Ho letto l'informativa privacy

    Vuoi unirti a noi?

    IBAN Banca di Cherasco

    IT38N0848701000000260101691

    image/svg+xml