• Italiano
  • English

eLegacy, l’app per l’eredità digitale su Ansa.it

Si parla di eLegacy sul sito di Ansa.it. Nell’articolo, Alessandro Macagno, fondatore di eLegacy e socio Sloweb, racconta come è nata l’idea del progetto e quali sono i servizi della piattaforma.


Potete leggere l’articolo completo a questo link.

Sloweb a Radio inBlu

Venerdì 19 e sabato 20 aprile, nel pomeriggio, si parlerà di Sloweb ai programmi di Radio inBlu, Pomeriggio inBlu e Tg e non solo Magazine. I due programmi prestano attenzione a temi di attualità e fatti del giorno. Durante l’intervista con i conduttori, Pietro Jarre – fondatore di Sloweb – parlerà dell’impatto del digitale sull’ambiente e della sostenibilità sociale del digitale.

Successivamente alla trasmissione, potrete trovare il podcast a questo link.

eLegacy in onda a Radio inBlu

Sabato pomeriggio, alle 14.36, si parlerà di eLegacy al programma di Radio inBlu, Tg e non solo Magazine. Il programma, condotto da Francesca Lozito, parte dalle notizie più discusse in rete per commentare i “trending hashtag” della settimana. Questo sabato Lozito intervista Alessandro Macagno, fondatore di eLegacy e socio Sloweb, che parlerà di eredità digitale e di eLegacy, prima piattaforma online che consente la gestione legalmente valida dei propri dati digitali.

Il podcast della trasmissione è disponibile a questo link

eLegacy e Sloweb a Buongiorno Regione su Rai3

Per i più mattinieri giovedi 4 aprile alle ore 7.30 si parlerà di eLegacy e Sloweb su Rai3.

Alessandro Macagno e Pietro Jarre spiegano i servizi di eLegacy e raccontano i principi alla base dell’associazione Sloweb a Buongiorno Regione, programma di informazione di Rai3. Il servizio, realizzato da Elisabetta Terigi, sarà disponibile anche a questo link.

Inaugurazione della mostra Re:Humanism Art Prize

Alfredo Adamo, CEO di Alan Advantage e socio Sloweb, annuncia l’opening della mostra dei vincitori della prima edizione del Re:Humanism Art Prize, il primo premio italiano dedicato al rapporto tra arte contemporanea e intelligenza artificiale promosso dalla Alan Advantage.

Alan Advantage è un’azienda di consulenza molto attiva nella gestione dell’Innovazione, Ricerca e Sviluppo e sostegno alle aziende Startup. Il premio è la prima di una serie di iniziative che sta portando avanti e che si focalizzano sul restituire una visione Human-Centered delle tecnologie più avanzate.

La mostra inaugurerà martedì 16 aprile 2018 alle ore 18:30 presso la galleria romana AlbumArte sita in Via Flaminia, 122, Roma e durerà fino all’11 maggio 2019.

Via ai finanziamenti per InclusiveWEB

Si è conclusa la prima fase del progetto InclusiveWEB condotto da Sloweb, nello specifico da Franco Marra, co-fondatore dell’associazione, in partenariato con Il Nodo Group e APRI onlus. Il progetto ha portato alla definizione di una metodologia studiata per verificare l’efficacia delle tecnologie di ausilio per persone affette da disabilità.

Grazie a questa innovativa metodologia, la misura dell’efficacia degli ausili viene effettuata sulla base della “user experience” relazionale che le persone affette da disabilità hanno con i dispositivi fisici e la loro comunità. La Tavola Valdese, finanziatrice del progetto, ha approvato i risultati relativi a questo stato di avanzamento, autorizzando il pagamento della relativa tranche di finanziamento. È ora in corso di valutazione, utilizzando questa metodologia, la misura dell’efficacia di dispositivi iPhone configurati con VoiceOver e utilizzati con l’assistente personale vocale personale Siri, in uno scenario applicativo che vede persone affette da cecità o gravi forme di ipovisione condividere immagini con la loro comunità attraverso le reti sociali.

Ci preme ringraziare qui Loredana Mazzotta de Il Nodo Group e Marco Bongi di APRI Onlus per la loro disponibilità, collaborazione e intelligenza in quello che si è dimostrato un bellissimo lavoro di squadra.

Privacy & Sanità – Intervista a Pietro Calorio

di Giulia Balbo

Nella sezione su Privacy & Sanità di Italia Oggi del 25 marzo si parla di DPO (Data Protection Officer – Responsabile protezione dei dati). In seguito al nuovo regolamento europeo sulla privacy, diverse strutture sanitarie si sono dovute adeguare alle nuove regole. Sebbene l’Autorità abbia reputato di non gravare il settore sanitario con adempimenti di cui non fosse dimostrabile l’effettiva utilità, i dubbi su cosa fosse necessario e corretto fare non sono mancati.

Nella sua intervista, Pietro Calorio, Presidente di Sloweb e Data Protection Officer dell’Azienda Ospedaliera dell’Ordine Mauriziano di Torino, chiarisce alcuni di questi punti e racconta come, in un caso del genere, un grande ospedale fronteggia le difficoltà e si muove per superarle.

A questo link l’anteprima dell’intervista

L’eredità digitale con Alessandro d’Arminio Monforte su Donna Moderna

di Giulia Balbo

Di eredità digitale si parla anche su Donna Moderna, settimanale italiano interamente dedicato alle donne. Questo, grazie al socio Sloweb Alessandro d’Arminio Monforte, avvocato dello studio legale Networklex.

Nell’articolo si sottolinea come ogni individuo, durante gli anni, si iscriva a decine, se non centinaia, di servizi, creando profili che rimarranno aperti anche dopo la sua morte.

La gestione dei dati in questo caso è una questione complessa e controversa. Alessandro d’Arminio Monforte ci parla della situazione legislativa italiana, che per una volta non è indietro rispetto agli altri Paesi. Siamo stati infatti tra i primi a recepire il nuovo regolamento europeo sulla privacy, all’interno del quale si sancisce il diritto dei parenti di un defunto di accedere ai suoi dati, o chiedere la cancellazione dell’account. Attenzione però a non travisare le cose, questo non ci garantisce di fare quello che vogliamo. Ogni volta che apriamo un profilo accettiamo delle condizioni contrattuali, ed è bene ricordare che il servizio non è di nostra proprietà, lo stiamo solo utilizzando.

Per evitare di mettere in difficoltà i propri eredi, è fondamentale pianificare per tempo la propria eredità digitale. Ad oggi, servizi come Google e Facebook mettono a disposizione funzioni base molto facili da impostare per gestire i propri account in caso di morte, e servizi come eLegacy permettono di organizzare comodamente e legalmente il proprio patrimonio di dati. Dobbiamo essere noi stessi i primi a tutelare la nostra privacy

Sloweb a Biennale Democrazia

di Giulia Balbo

Biennale Democrazia è un evento culturale che si svolge a Torino ogni due anni. Promossa dalla Città di Torino e organizzata dalla Fondazione per la Cultura Torino, ha l’obiettivo di diffondere una cultura della democrazia che possa tradursi in pratica democratica. La Biennale è composta da svariati eventi pubblici – lezioni a dibattiti, letture, seminari, forum, e momenti di coinvolgimento della cittadinanza – che si svolgono nell’arco di cinque giorni. Questi incontri sono il frutto del lavoro che viene svolto anche nel resto dell’anno, soprattutto insieme a studenti delle scuole superiori e dell’università, attraverso workshop di discussione e incontri negli istituti scolastici.

La Biennale Democrazia vede la presenza, partecipazione e collaborazione di istituzioni, enti, associazioni e personaggi di respiro nazionale e internazionale. Questa ricchezza di contributi permette la creazione di tantissime idee, suggerimenti e proposte, dando vita ad un evento che parla ai diversi ambiti della cultura, dall’arte, al cinema, al teatro.

Quest’anno, siamo felici e onorati di annunciare la nostra collaborazione alla ricca manifestazione culturale cittadina di Biennale Democrazia. Il filo conduttore di questa sesta edizione dal titolo Visibile Invisibile, che si svolgerà da mercoledì 27 a domenica 31 marzo, è la riflessione sulle sfide poste da un mondo ad “altissima visibilità”. Il tema non potrebbe essere più vicino ai valori di Sloweb e al nostro manifesto. Si parlerà di come le informazioni, le immagini e i dati generati da tecnologie in continua evoluzione siano diventati il tessuto connettivo delle nostre esistenze, influenzando le relazioni umane e sociali e soprattutto la politica. Se ormai siamo abituati soltanto a scorrere feed e programmi TV, davanti alla crisi della democrazia, come si può uscire dalla condizione di semplici “spettatori” per recuperare una prospettiva di futuro? Occorrono strumenti per comprendere, stabilire obiettivi e operare delle scelte consapevoli.

Giovanna Giordano e Pietro Jarre condurranno un evento intitolato Schermi continui, vite invisibili, giovedì 28 marzo alle ore 12.00 all’Auditorium Vivaldi, in Piazza Carlo Alberto. Insieme ai ragazzi delle scuole superiori Giovanna e Pietro faranno un laboratorio di riflessione sul tema della visibilità dei dati personali. In un’epoca in cui tutto quello che avviene sul web è visibile e tracciabile, è fondamentale imparare a selezionare e organizzare i dati per costruire una memoria individuale e collettiva, e non essere travolti dal caos informazionale. Il laboratorio prevede una sperimentazione pratica sull’uso ecologico dei dati digitali: raccogliere con cura, selezionare, conservare con attenzione, condividere con responsabilità.

Per partecipare è consigliato scaricare sul proprio smartphone la app Telegram e iscriversi a eMemory.

Eredità digitale con Alessandro Macagno su Radio 24

2024 è un programma di Radio 24 dedicato a internet e tecnologie. Condotto da Enrico Pagliarini, va in onda il venerdì sera alle 22 e la domenica alle 13.10. Nella puntata di venerdì scorso si è parlato di Eredità Digitale con il socio Sloweb e fondatore di eLegacy Alessandro Macagno.

Insieme a Oreste Pollicino, professore ordinario al Dipartimento di Studi Giuridici alla Bocconi di Milano, Alessandro ha affrontato i temi relativi alla destinazione dei dati personali in seguito al decesso e ha presentato i servizi offerti da eLegacy per gestire in maniera legalmente valida la propria eredità digitale. Tra le altre cose si è parlato di quali siano i dati che possono essere trasmessi ai propri eredi e come; quali siano i metodi per mettere ordine al caos derivante dall’accumulo di dati online; come sfruttare a proprio favore i sistemi di profilazione dei più grandi motori di ricerca (Google); come gestire gli abbonamenti a servizi (musica, libri, film… che cosa è trasmissibile dal proprio account a quello degli eredi?); come gestire i dati digitali conservati offline; e non per ultimo, sicurezza.
A questo link trovate il podcast della trasmissione, si parla di eredità digitale dal minuto 22.

  • Associazione Sloweb
  • Sede legale:
  • Piazza C.L.N., 254 – 10121 Torino
  • Sede operativa c/o Escamotages
  • via Sacchi 28 bis – 10128 Torino
  • Tel. 011-19916610
  • info@sloweb.org
  • C.F. 97823610015

Scrivici


Ho letto l'informativa privacy

Vuoi unirti a noi?

Iban presso banca di Cherasco

IT38N0848701000 000260 101691